52 Domeniche in Romagna
 
  HOME      RICERCA      VENDITA      LEGENDA Simboli      CONTATTI      BLOG
Vedi cartina della Romagna (con tutti gli ITINERARI >>)

ITINERARIO 37 (Faenza)
 
PEDALANDO TRA NATURA E MEMORIA
PEDALANDO TRA NATURA E MEMORIA
CARTA ESCURSIONISTICA CONSIGLIATA:
REGIONE EMILIA ROMAGNA - C.A.I. ALTO APPENNINO FAENTINO 1:50000

Distanza: 25 km
Durata: mezza giornata
Periodo consigliato: da giugno a settembre
Partenza e arrivo: Tredozio

Le ruote scorrono lente sulla strada sterrata di crinale che unisce in un continuo saliscendi Tredozio a Modigliana. Il sentiero C.A.I. 573 rappresenta il punto focale di questo facile percorso in mountain bike, sulle colline che corrono lungo la Valle del Tramazzo. L’ambiente naturale è certamente di prim’ordine con una boscaglia formata da roverelle, ornielli, biancospini, ginestre, ginepri: un paesaggio che spazia sull’intera vallata con una storia da raccontare. Questo tratto di sterrato è anche chiamato sentiero della Memoria. Su queste montagne si sono combattute alcune delle più aspre contese che hanno visto tra i protagonisti i partigiani locali. Nell’agosto del 1944 nel casolare Ca’ Cornio, Silvio Corbari, personaggio simbolo della resistenza, fu vittima di una imboscata in cui perse la vita l’intero gruppo dei partigiani. Ad aggiungere fascino alla proposta, la visita ai due bei paesi della valle del Tramazzo: Modigliana e Tredozio.

DA NON PERDERE
Palazzo Fantini
Chiesa San Valentino
Ca’ Cornio
Roccaccia di Modigliana
Tribuna di Modigliana
PERCORSO
PERCORSO
Giardini di Palazzo Fantini
Tredozio è il paese più alto della Valle del Tramazzo.
Entrato a far parte della provincia forlivese solo dopo il 1923 e una lunga dominazione fiorentina, è oggi una apprezzata località del basso Appennino: superlativo è l’ambiente naturale che la circonda. Dell’antico castello appartenuto ai Conti Guidi non resta oggi che qualche fondamenta, a pochi minuti dal bel centro storico e da Palazzo Fantini, costruzione del ’500, che rappresenta l’edificio storico più prestigioso di Tredozio, dotato di decine di stanze, cantine, granai, lavanderie e di uno splendido giardino ricco di una grande quantità botanica, di siepi, erbe aromatiche, fiori e querce munumentali.
Nel palazzo hanno oggi sede il Museo della Civiltà Contadina e la Biblioteca Panciatichi. Tredozio è anche il punto di partenza di questo itinerario in mountain bike che collega la cittadina a Modigliana lungo l’affascinante sentiero di crinale.
Arrivati a Tredozio e posteggiata l’automobile, si svolta a sinistra (per chi proviene da Modigliana) in una stretta strada asfaltata che corre su un piccolo ponte: indicazione Monte S. Valentino.

Rocca e Duomo di Modigliana
La strada sale decisa e si allontana dalla valle in direzione dei monti che sfiorano la parallela Val Montone. Ginestre, cipressi, un paio di bei casolari ben ristrutturati e un fitto bosco a fianco della carreggiata rendono l’ambiente piacevole. In pochi minuti anche il panorama si apre e sulla sinistra si intravede la strada provinciale che collega Modigliana a Tredozio. Si prosegue per circa 5 km fino a giungere sul piazzale antistante la Pieve di San Valentino.
La chiesa ha origini anticchissime (562 d.C.) ed ebbe in passato un ruolo importante: alla sua giurisdizione furono assegnati territori che spaziavano da Gamogna a Marradi, da Modigliana a Rocca San Casciano.
Questo territorio venne definito come Piviera di San Valentino. Alle spalle della pieve, una statua di Cristo con le braccia spalancate al cielo. A fianco della facciata, la strada si fa sterrata. Un segnale escursionistico sulla sinistra indica che quello è il sentiero C.A.I. 573.

Tribuna di Modigliana
Si imbocca la traccia segnata: la si seguirà per tutto il tratto in fuori strada. Dopo poche decine di metri si arriva ad un bivio in cui occorre tenere la destra in leggera salita fino a raggiungere un cancello, da aprire e richiudere, usato per controllare il bestiame. Poco dopo si incontra una deviazione sulla destra che indica Ca’ Cornio (chiamata anche Ca’ Corbari). Si prende la deviazione per raggiungere la casa, passata alla storia per essere stato il rifugio segreto di Silvio Corbari, simbolo della resistenza partigiana: proprio in questo casolare i partigiani comandati da Corbari, il 18 agosto 1944, subirono un agguato da parte delle truppe fasciste e furono catturati e uccisi.
Per la storia che narra e per il fatto di essere uno dei “Luoghi della Memoria” della Resistenza Partigiana in Romagna, la deviazione è vivamente consigliata.
Percorso a ritroso il tratto di sterrato, e raggiunto nuovamente il sentiero principale, si svolta a destra. La traccia corre sul crinale in un susseguirsi di facili saliscendi: la Valle del Tramazzo rimane visibile in basso sulla sinistra. La vegetazione, composta da roverelle, ornielli, ginestre e ginepri a macchia lascia spazio ad ampi pratoni in cui pascolano numerose mucche di razza romagnola.
La strada è bella e non presenta particolari difficoltà.
Superato il secondo cancello, si incontra una deviazione a destra, da ignorare e si prosegue su strada sterrata, che in questo tratto si fa più larga fino a raggiungere un gruppo di abitazioni.
Si segue sempre il sentiero bianco e rosso del C.A.I.: si ignora la stretta traccia a sinistra, anche essa segnata, e si continua in discesa.

Torre Civica di Tredozio
Si lascia la Valle del Tramazzo e si costeggia il crinale sul lato del torrente Ibola. Dopo poche centinaia di metri la strada diventa asfaltata: si svolta a sinistra verso un costone alberato in una stradina che porta diretta all’arco della Roccaccia di Modigliana.
Ci si trova sopra l’abitato del primo comune della Valle del Tramazzo, a fianco di quello che è il simbolo del paese. Il nucleo originale del Castello, risale all’epoca del dominio dei Conti Guidi (XII, XIII secolo), ma si pensa che le sue fondamenta abbiano origini medioevali.
La rocca, anche come conseguenza delle sue grandi dimensioni, conserva il suo fascino nonostante sia ridotta a rudere.
Oltrepassato l’arco, si scende la ripida strada cementata e si mantiene la sinistra in uno stretto viottolo di paese che conduce alla sommità di Modigliana. Una bella strada lastricata consente di scendere attraverso le piccole vie del borgo e raggiungere Palazzo Borghi, Palazzo Pretorio e tutti i più importanti punti d’interesse di Modigliana fino a giungere alla Tribuna, singolare costruzione con due campanili e un’edicola, altro simbolo della cittadina. Dal ponte sotto l’edificio si possono vedere le belle case, colorate dai bei balconi, che si affacciano dirette sul torrente.
Da segnalare anche il Duomo, antica pieve di Santo Stefano in Juviniano, la Cappella di Gesù Morto, il Santuario della Madonna del Cantone, la Chiesa del Convento delle Agostiniane.
Da Modigliana si prende la strada provinciale di fondovalle e in 10 km, in leggerissima salita e generalmente con poco traffico, si raggiunge Tredozio.
Stampa scheda

APPROFONDIMENTI

IL BARTOLACCIO
IL BARTOLACCIO
Il Bartolaccio, noto come e bartlaz, è una specialità tipica dell’alta Valle del Tramazzo, realizzata con un impasto di farina e acqua, ripieno di patate lesse insaporite con “forma” (formaggio grattugiato), pancetta rosolata, sale e pepe. È una sorta di tortello alla lastra, ossia un crescione (o cassone) cotto sulla piastra, dalla forma rettangolare. Il paese di Tredozio dedica al Bartolaccio una sagra nel mese di novembre, in cui è possibile degustare questa e altre specialità culinarie, quali la polenta e la paciarella: una polenta coi fagioli. Lungo le vie del paese in festa sono allestiti mercati, bancarelle e numerosi stand, per far gustare e promuovere i prodotti freschi della Valle del Tramazzo.
Per info: Comune di Tredozio tel. 0546.943937.


SITI INTERNET D'APPROFONDIMENTO

www.comune.tredozio.fc.it
www.comune.modigliana.fc.it

 
Stampa scheda
 
 
 
Data: 16/12/2018
52 Domeniche in Romagna
Emilia Romagna - Terra con l'anima
 
Editore Guida
Finanziato all'interno della  Iniziativa  Comunitaria Leader


Creative Commons License
52 Domeniche in Romagna by 52 Domeniche in Romagna is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work at www.52domeniche.it.



Menabò - Agenzia di comunicazione Edizioni INMagazine Altra Romagna Emilia Romagna
Agenzia di Comunicazione Edizioni IN Magazine